sabato 3 marzo 2012

Rumori nelle tenebre



Sguisssshhh .... il rumore di una considerevole quantità di “patè di selvaggina friskies” che finisce sotto la suola di una ciabatta da camera felpata, sono le 6.30 della mattina, impossibile inveire ed imprecare ad alta voce, ci si tiene tutto dentro.
Un essere sordido, bianco e nero ha questa abitudine, si prende un grosso boccone dalla ciotola e se lo va a sgranocchiare a zonzo per la casa, non pensa nemmeno lontanamente di finire completamente il pasto, molto più divertente lasciare qualche bel pezzo di impasto denso e viscido qua e là proprio in mezzo al passaggio.

Flop-tonf.....flop-tonf.....flop-tonf il rumore dei passi zoppicanti di un povero diavolo che già si deve alzare ad un orario indegno, nel frescolino della prima mattinata milanese e deve pure andare in un posto lugubre ed in una compagnia molto discutibile. In questo momento ha il suddetto “patè di selvaggina friskies” spatasciato sotto la suola di una delle suddette ciabatte e quindi deve camminare parzialmente sulle punte, in una stato di equilibrio fisico precario, proprio nel momento della giornata dove di più l’equilibrio mentale è compromesso. L’impegno maggiore è evitare di calpestare qualsiasi tappeto o tappetino, pena il produrre un sandwich di stoffa farcito al patè di selvaggina.
Il nostro sventurato si guarda in giro, cerca una coda nera che gli indichi la strada, ma il proprietario della coda si guarda bene dal mostrarsi, lui “sa” e se ne sta rintanato sotto il letto, bisognerà aspettare, creare il momento adatto al “ponf”.

“Ponf” è il rumore sordo di una ciabatta in panno, riempita all’inverosimile di un 43 extra large che si va a schiantare verso il suo obbiettivo più ambito, cioè il punto preciso dove termina la coda nera tanto bramata, questa protuberanza snodabile funge da indicatore, è il migliore segnavia in momenti di precario equilibrio psicofisico e di scarsa illuminazione, per fare arrivare il suddetto 43 extralarge verso il goal, un circolino di carne non ricoperto da pelo, che in situazioni come queste è l’Obbiettivo, il Culmine, il Massimo Punto di Arrivo, contro il quale, il nostro sventurato ed assonnato eroe, vorrebbe mandare a schiantarsi il suo piede destro con tanto di ciabatta e patè di selvaggina spetasciatosottolasuola incluso…….. ma la coda, l’indicatore, rimane bastardamente, ma intelligentemente sotto il letto……..

19 commenti:

  1. Pensa, il mio cane recita lo stesso rito...sperge crocchette e altre cose varie in giro come il gatto; inoltre anch'esso ha il manto nero e le zampie bianche manco fossero dei cazini...mi sono rassegnato a pulire. Ma la mia è una scelta, avere un cane.

    RispondiElimina
  2. Ogni animale ha un apropria personalità ed è con questa che dobbiamo rapportarci, diciamo che il tipo bianco e nero nella fotografia, ha molte personalità...... ce ne fosse almeno una un po' tranquilla!!

    RispondiElimina
  3. Ho sempre avuto cani o gatti e conosco benissimo quest'esperienza!
    Sai.. ho da poco cambiato casa e non mi rassegna all'idea di non avere un animale ma... ho giurato che per almeno un certo periodo non mi farò prendere dalla mia solita smania da carenza di animali per una più saggia consapevolezza che la mia vita non mi permette di adeguarmi ai bisogni di un altro essere vivente (a parte le persone che frequento ovviamente...).
    però sai una cosa? MI MANCA DA MORIRE tutto questo!!! La pappa sparsa per casa, la sabbietta che scricchiola sotto i piedi ma soprattutto l'affetto che solo loro possono darti!!
    Ma sappi che, tu lo creda o meno, ho giurato che avrei preso un gatto (il cane davvero non me lo posso permettere... ho appena vissuto un esperienza con un golden che ancora mi fa lacrimare il cuore) proprio come quello della foto: bianco e nero, cuscinetti rosa ed occhi azzurri se mi fosse capitato così!! In attesa di trovare dietro un angolo di strada "Mukka", il mio nuovo eventuale coinquilino, ti saluto con un abbraccio!
    Joh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho convissuto con quasi tutti gli animali che si possono tenere in un appartamento e non posso dire di avere delle grandi preferenze, ognuno di loro ti dà, in modo diverso, tutto quello che ti può dare, senza riserve. In questo periodo (lungo, sono 14 anni) abbiamo due gatti trovatelli, è stata una scelta ponderata rispetto ad un cane, in quanto siamo fuori per lavoro tutto il giorno e non ci è possibile fare altrimenti.
      Pensa invece che nella mia classifica di colori, al primo posto c'era il gatto rosso e credo che il bianco/nero venisse proprio agli ultimi posti, poi vai a vedere dei trovatelli, c'è un robo lungo come una molletta che ti si arrampica dappertutto.....e ...... :)

      Elimina
  4. ahahahah
    scusami....

    solo, grazie di questa leggerezza
    nonostante la ciabatta imbrattata :)

    RispondiElimina
  5. il tuo gatto è un vero statega...ahahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, e senza nemmeno avere mai letto Sun Tzu :)

      Elimina
  6. eheheh e chiamalo scemo!! :-D

    Noi invece abbiamo, tra gli altri, una gattina che la notte vuol spesso dormire tra di noi... sotto le coperte! E se non trova spiragli nei quali infilarsi, pone la sua zampina (unghiata, naturalmente) sulla schiena mia o di mia moglie, come a dire "svegliati, voglio entrare!" :-D Grrrrrrr!!!

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, si tale e quale, in pratica, da anni, si dorme una notte intera solo in vacanza :)

      Elimina
  7. Mi fanno ridere le differenti manie personali dei gatti.
    Meglio che non mi metto ad elencare quelle dei miei 3 gatti, richiederebbe troppo tempo! Però ti racconto questo breve episodio, che non ha a che fare con le manie, ma è accaduto recentemente:
    stavo facendo un esercizio di yoga per il quale ero stesa supina per terra, ad occhi chiusi, concentrata sul respiro... vicino a me c'era un tavolo sul quale era salito il gatto... ad un certo punto, questo ha la brillantissima idea di scendere lanciandosi sulla pancia della sottoscritta!! Immaginati lo spavento e soprattutto lo stordimento! E' stato une specie di shock, ahahah! E come se non bastasse, quando ho cominciato ad inveire verbalmente contro il gatto, è arrivato l'altro che mi ha morso per difenderlo... Incredibile, guarda.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, capisco perfettamente la situazione, nel comune pensare c'è il concetto che i gatti se ne stiano sempre per i fatti loro, ed invece, con le persone che coabitano il "loro" territorio, cercano sempre di interagire .....con le buone o con le cattive :)

      Elimina
  8. Ma lo vedi perchè i gatti sono unici? Perchè fanno sempre e comunque quel che vogliono loro :) Siamo noi ad esser posseduti dai felini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti sta facendo una pernacchia nella foto?

      A

      Elimina
  9. Facesse solo quello, sarebbe ancora niente :)

    RispondiElimina
  10. Ah ma allora è super intelligente!!!

    RispondiElimina